Buon Compleanno The Games Machine!!!

Tanti auguri per i tuoi 20 anni da uno dei tuoi fan accaniti, cresciuto, informaticamente parlando, con voi, ZZap!, K, MC Microcomputer. E’ incredibile pensare che tante generazioni, da 20 anni a questa parte, vi seguono affezionati e che voi stessi, nonostante siate cresciuti, abbiate mantenuto la passione ed i numeri laddove molti altri (i nomi su citati) siano periti molto prima. Ma la qualità del vostro lavoro (e di quello degli altri) rimane anche nei ricordi accorati dei molti fans.

Non posso non ricordarvi con un video che ha fatto la storia della rivista e ricordando che, quando YouTube non c’era, ci allietavamo con la cartella “Facce da TGM” del Silver Disk.

Zac

P.S.: ma davvero dalle vostre parti circolavano gli MP3 dei GBOP?

Per me deve mancare?

Tutto il web ne parla, addirittura i TG ne parlavano contemporaneamente al web…Google Chrome è la prima delle novità di questo 09/08 (Vedremo Apple e Microsoft cosa risponderanno sui loro rispettivi territori).

Ve ne parlo illustrando la mia umile opinione in merito, ma vi dico già da ora che non l’ho provato e non lo proverò (per ora). La vespa che mi ronza in testa è ovviamente la domanda del millennio: perché Google ha realizzato un suo browser? Sponsorizza Firefox, finanzia Firefox ed ora gli fa uno sgambetto del genere?

Penso di capire il perché, dopo aver analizzato il fumetto che lo riguarda; dal fumetto si evince che i punti chiave del browser sono stabilità, velocità e sicurezza. Tra le novità c’è inoltre la virtual machine in grado di far girare codice virtuale a partire da JavaScript. Nella mia mente, lo scenario che ho intravisto è quello che Google non ha intenzione di dominare il settore del web browsing nella sua totalità ma, soprattutto, quello delle (chiamiamole così) Desktop Web Application (meglio note come RIA, fino ad ora). Per la navigazione sul web a Chrome mancano tutti i gingilli a cui il Panda Rosso ci ha abituato inoltre, la scusa di rendere più sicure le web application attraverso la suddivisione in processi del browser, non mi ha convinto più di tanto. Ma se la suddivisione in processi la vediamo come feature necessaria a portare le web applications sul Desktop, ed eseguirle in tutta stabilità, tutto sembra più chiaro e coerente. Ed in effetti nei video si vede che è possibile salvare un link di una pagina web per riaprirlo successivamente come se fosse un’applicazione classica.

Questo gioverà non solo a Google, che delle RIA ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia, ma porterà molti sviluppatori a consigliare Chrome per eseguire le loro Web Application in funzione di una maggiore velocità di esecuzione del codice. In breve tutte le RIA potrebbero girare su un browser marchiato Google a tutto vantaggio della consolidazione di un marchio leader nel web.

Ed ora passiamo a V8. Inserire una VM nel browser aprirà la strada ad altri linguaggi all’interno del browser. Per ora abbiamo solo JavaScript ma in futuro nulla vieterà a Google di inserire altri linguaggi (Python su tutti) e di aggiungere altre librerie a supporto degli sviluppatori (sulla scia di Google Gears). Se Google facesse una mossa del genere, ovviamente si attirerebbe le ire del W3C e degli altri produttori di browser visto che, utilizzare un linguaggio di scripting diverso da JS, renderebbe il sito compatibile solo con Chrome; ma visto che il codice di Chrome è open source, Google potrebbe tranquillamente rispondere di prenderlo così com’è ed utilizzarlo.
Tenuto conto delle ultime tendenze in fatto di framework (flex ed air, java e javafx, internet explorer e silverlight) non stupirebbe se Google proponesse la sua G-Way di fare applicazioni web.

Come al solito, attendiamo ulteriori sviluppi.

Zac